Incentivi e Certificati Bianchi. Cosa sono e chi può trarne beneficio
Il sistema incentivante dei titoli di efficienza energetica, noti come certificati bianchi, è stato introdotto per promuovere a livello nazionale il ricorso a tecnologie energeticamente efficienti
Il meccanismo si fonda sull’obbligo imposto alle grandi aziende distributrici di energia elettrica e gas di rispettare degli obiettivi di riduzione dei consumi energetici. I risparmi energetici possono essere ottenuti attraverso interventi realizzati presso gli utenti finali e sono valutati in fonti primarie, utilizzando come unità di misura la tonnellata equivalente di petrolio (TEP)



I soggetti che possono beneficiare di questi incentivi sono le aziende o i privati che realizzano interventi di efficienza energetica; tali soggetti, attraverso società chiamate Energy Service Company (ESCo), possono presentare richiesta agli enti competenti; la certificazione dei risparmi energetici conseguiti viene attestata dall’ente nazionale preposto (GSE) attraverso l’emissione di appositi certificati: i titoli di efficienza energetica, per l’appunto



Gli interventi ed i progetti ammessi al meccanismo dei certificati bianchi sono quelli che comportano una razionalizzazione dei consumi finali di energia, sia che si tratti di interventi sull’involucro edilizio, sia sugli impianti, sia sui processi produttivi

Gallery

PARTNERS

PARTNER